L’uovo di Pasqua

Storia

 

L’uovo nella Storia dell’Uomo ha sempre avuto un significato di fecondità e di vita.
Gli antichi Egizi lo identificavano come il centro dei quattro elementi Universali.
Gli Ebrei lo regalavano in occasione dei compleanni ed usavano portarlo agli amici quando andavano a far loro visita.
I Greci, i Persiani ed i Cinesi regalavano uova durante le Feste di Primavera.
I Romani avevano anche un detto: Omne vivum ex ovo = Tutti i viventi nascono da un uovo e molte Civiltà, già molto prima della nascista di Cristo, sapevano che la vita nasceva da una sola cellula, l’uovo appunto.
Mircea Eliade, l’antropologo Rumeno storico delle Religioni ha scritto che l’identificazione dell’uovo come oggetto pertinente all’interpretazione dell’origine e formazione dell’universo, risulta storicamente comune in Polinesia, India antica, Indonesia, Iran, Grecia, Fenicia, Lettonia, Estonia, Finlandia, Africa occidentale, America centrale e del Sud. Aggiunge che in Russia ed in Svezia in molte tombe antiche sono state rinvenute uova di creta e che le statue di Dioniso scoperte in Boezia hanno tutte un uovo in mano come simbolo del ritorno alla vita.
Da tutto ciò é facile capire perché l’uovo sia diventato un simbolo della Pasqua Cristiana.
Innanzitutto perché legato alla Primavera e quindi alla fecondità e poi, essendo la Pasqua secondo la tradizione Cristiana il giorno della resurrezione di Cristo, così come il pulcino esce dall’uovo, Cristo esce dal sepolcro.
Sin dai tempi più antichi le uova date in dono venivano colorate ed il colore era un ulteriore simbolo di primavera e luce del sole.
L’usanza definitiva di donare uova a Pasqua nacque però nel Medioevo e si narra che nel 1290 Edoardo I ne regalò centinaia alla servitù.
L’uovo venne “sacralizzato” nel XVII Secolo quando Papa Paolo V ne benedisse alcuni durante la Messa di Pasqua.
Tradizionalmente nei Balcani e nella Religione Greco-Ortodossa l’uovo di gallina sodo, colorato di rosso (un tempo si usavano le bucce della cipolla rossa) per rappresentare il sangue di Cristo viene consumato al Giovedi santo (giorno in cui secondo la tradizione si svolse l’ultima Cena) ed il giorno di Pasqua dopo una suggestiva cerimonia di benedizione durante la Messa.
Il giorno di Pasqua i commensali fanno una gara (dopo aver scelto con cura l’uovo “giusto”) chiamata τσούγκρισμα (crepa) scontrando le rispettive uova con quelle degli altri e l’uovo “sopravvissuto”, ovvero al quale non si é rotto il guscio, é di buon augurio per il fortunato possessore.

Sull’uovo di Pasqua esistono molte leggende. Tra queste due sono Cristiane. In una si narra che Maria Maddalena portò un uovo a Tiberio per dirgli che Cristo era risorto, in un’altra ci raccontano che la Madonna portò a Pilato un cesto di uova per implorare la liberazione del figlio e che, scacciata in malo modo, gettò la cesta a terra spargendo ovunque le uova a voler codificare l’immagine di un oggetto da spargere in tutto il Mondo per la Pasqua.

Nel XVII Secolo nacque il tanto amato uovo di cioccolato e l’oggetto del desiderio pasquale trovò solide radici in Germania ed in Francia.
Un tempo le uova di cioccolato erano piene poi, per motivi economici, vennero realizzate con due metà concave unite tra loro. Nacque quindi in Francia l’uso di introdurre la sorpresa che voleva essere un modo di “riempire” il vuoto e di creare un dono in più per festeggiare.

Parlando di uova di Pasqua non si può non parlare di quelle preziosissime create dal gioielliere Peter Carl Fabergé in oro, platino e gemme preziose e commissionate per la prima volta nel 1885 dallo Tzar Alessandro III come dono di Pasqua all’amata Tzarina Maria Fyoderovna.

Detto ciò … Buona Pasqua a tutti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...