Cima Genovese

Piatto un tempo tipico di Pasqua (veniva cucinata e poi regalata)  col tempo  ha conquistato le tavole per 365 giorni all’anno.

La cima, (che erroneamente qualcuno ha ribattezzato “vitello ripieno alla genovese”… si fa anche di agnello) é un piatto famoso come il Pesto genovese ed é l’espressione della cucina popolare dove nulla andava gettato via e dove gli avanzi diventavano una sinfonia di sapori.

Viene definita “un piatto di carne che non é carne” visto che la carne c’é ma in una quantità davvero minima. E’ solo un rettangolo preso dalla pancia, cucito con ago e filo ottenendo una “tasca”  all’interno della quale viene posto un ripieno.

   

Il poeta genovese Aldo Acquarone, in una poesia, definisce questo piatto “il re dei piatti freddi” e non ha torto.

Bella a vedersi, digeribilissima, opulenta e saziante, la cima ha aumentato il suo successo decenni dopo decenni.

Fabrizio De Andrè  le ha dedicato una canzone nella quale ha inserito la cantilena che le massaie genovesi recitavano mentre la cima cuoceva.
Çé serén tèra scûa  Cielo sereno, terra scura
Carne ténia nu fâte néigra Carne tenera non diventare nera
Nu turnâ dûa Non tornare dura
E ‘nt’ou núme de Maria E nel nome di Maria
Tûtti diaì de sta pûgnatta Tutti i diavoli di questa pentola
Anène via Andatevene via 

Eccola la canzone di De Andrè: ‘A cimma 

E adesso … al lavoro!
Ingredienti per una “cima” di circa 1 Kg

  • Pancia di vitello 1 chilo
  • Polpa di vitello 100 grammi
  • Poppa di vitella 100 grammi
  • Cervella 50 grammi
  • Burro 40 grammi
  • Uova 6 + 1 
  • Pinoli 2 cucchiai
  • Parmigiano reggiano
  • Funghi secchi una manciata
  • Maggiorana due ciuffetti
  • Aglio 1 spicchio
  • Piselli 40 grammi
  • Cipolla bionda piccola 2
  • Carota 2
  • Sedano una costa
  • Olio extravergine di oliva 2 cucchiai
  • Mollica di pane a pasta dura 50 grammi
  • Latte mezzo bicchiere
  • Vino bianco secco mezzo bicchiere
  • Sale q.b.

Preparate un brodo con l’acqua che avrete salato, 1 cipolla, 1 carota e mezza costa di sedano. Dopo 2 minuti dal bollore spegnete il fuoco e tenete la pentola col brodo da parte.

Salate e pepate la cima quanto basta, piegatela su se stessa e cucitene (con filo da cucina molto spesso) tre lati in modo da formare una sacca.

La cucitura deve essere salda e fitta per impedire la fuoriuscita del ripieno.

Potete anche farvela cucire dal vostro macellaio.

Tritate molto fini la polpa, la poppa e la cervella.

Tritate separatamente 1 cipolla, 1 carota, metà della costa di sedano, l’aglio, i funghi che avrete prima fatto rinvenire in acqua tiepida.
Sminuzzate con le dita la maggiorana, sbattete 6 uova, inzuppate la mollica con il latte e grattugiate il parmigiano.

Fate rosolare nell’olio e nel burro cipolla, carota, aglio e sedano e quindi unite tutti gli ingredienti di cui sopra che avrete precedente amalgamato.

Dopo un minuto versate il vino e fate cuocere tutto a fiamma bassa mescolando delicatamente sino a che il vino non sarà evaporato.

Fate intiepidire e quindi, con l’aiuto di un grande cucchiaio, riempite la sacca sino a due dita sotto il bordo.
Quando sarete arrivati a riempire a metà della tasca create una nicchia nel composto e rompeteci l’uovo rimasto continuando poi ad aggiungere delicatamente il ripieno.

Mi raccomando! Non schiacciate il ripieno per farlo scendere nella tasca ma battete la tasca stessa sul ripiano del tavolo per farlo scendere.

Cucite il lato aperto chiudendo la tasca.

Portate a bollore il brodo ed immergeteci la cima che farete cuocere a fuoco basso per circa 3 ore.

Trascorso questo tempo levate la cima dalla pentola, mettetela in un qualunque contenitore con un bordino (rilascerà liquido), sovrapponete un peso (ad esempio un tagliere pesante) e mettete in frigorifero per una notte.

Al momento di servirla tagliatela a fette spesse circa un dito.

Articoli e ricette a tema Pasquale:

L’uovo di Pasqua 

Colomba pasquale

Cuzzupa (Calabria)

Le uova colorate di Pasqua (come realizzarle)

Casatiello

Chifeletti (Friuli Venezia Giulia) 

Torta pasqualina (Liguria)

La colomba pasquale (storia)

Fagottini di costolette d’agnello

 
 
 
 
 
 
 
 

2 risposte a “Cima Genovese”

  1. Che bei ricordi con la cima …. la faceva sempre la mamma a Pasqua e a Natale …ma non sapevo delle poppe lei metteva, oltre quello indicato, i laccetti…
    Peccato ora nn la facciamo più perché i miei nn la mangiano: nn sanno cosa si perdono…. grazie anche per il riferimento a De André..nn lo sapevo.

    Piace a 1 persona

    • Le ricette regionali hanno variazioni da Provincia a Provincia, da Comune e Comune, da paese a paese e da famiglia a famiglia.
      Sono in pochi a sapere di quella canzone … é nell’album Nuvole, quello che contiene la più nota Don Raffaé.
      Quello che mi gratifica in questo “lavoro” é che offro la possibilità ai miei lettori di scoprire cose non note.
      Grazie del commento

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: